Sara Turetta di "Save the Dogs" all'Oasi Felina di Su Pallosu

Sara Turetta di "Save the Dogs" all'Oasi Felina di Su Pallosu

E’ una delle più conosciute donne d’Europa impegnate nel settore tutela animali, insignita di vari premi, per il suo instancabile impegno in difesa dei quattrozampe, come quello di Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia, fondatrice  e presidente della nota Associazione OnlusSave the Dogs“, nata  dopo un viaggio in Romania proprio per cercare di far fronte alla drammatica situazione del randagismo in quel paese. Save the Dogs ha creato in Romania una clinica veterinaria con annesso rifugio  e una clinica mobile in tutta la provincia raggiungendo aree rurali prive di qualsiasi tipo di servizi sanitari  con all’attivo decine di migliaia di animali sterilizzati.

Lei è  Sara Turetta, nata nel ’73 a Vercelli, vive gran parte dell’anno tra l’Italia e Cernavoda, nel sudest della Romania, dove con altri volontari gestisce una struttura in cui vengono sterilizzati e ospitati i cani salvati dallo sterminio.Ma Sara da grande amante di animali si occupa anche di gatti e proprio di recente ha aperto un gattile sempre in Romania.

IMG_20160828_194117277[1]

Da sinistra Sara Turetta (Save the Dogs) e Irina Albu (Oasi Felina Privata di Su Pallosu

Domenica sera (28 agosto) Sara Turetta ha visitato l’Oasi Felina Privata di Su Pallosu, accompagnata dai veterinari Paolo Bruguglio e Monica Pais della Clinica Veterinaria Duemari di Oristano.

“Save the Dogs and Other Animals”, è un nome prestigioso nel campo dell’animalismo internazionale: 40 persone assunte si occupa di prevenzione del randagismo; adozioni internazionali per dare una famiglia a quegli animali che, per motivi diversi, non possono essere reimmessi sul territorio; assistenza medico-veterinaria gratuita a beneficio di centinaia di famiglie povere della provincia di Costanza.

La Presidente di Save the Dogs ha visitato l’Oasi Felina Sarda- tra i primi posti nell’isola delle attrazioni turistiche- sotto la guida della gattara di origine romena, trapiantata in Sardegna Irina Albu e del compagno Andrea Atzori.

IMG_20160828_193538732[1]

Sara Turetta durante la visita all’Oasi Felina Privata di Su Pallosu qui con Andrea Atzori Presidente dell’Associazione Amici di Su Pallosu

Durante la visita Sara Turretta ha chiesto con grande interesse informazioni sia sui 57 gatti ospitati a Su Pallosu, 35 tra i quali quelli liberi, sia sulla parte culturale della visita all’Oasi,  dedicata a flora, fauna e territorio, del sito che ogni anno ospita oltre tremila visitatori e nel 2016 ha ricevuto il Certificato di Eccellenza dal Portale Internazionale di Viaggi Tripadvisor.Felini sardi-hanno ricordato i gattari -tenuti ai livelli più aliti di benessere animale, tutti microchipatti, sterilizzati e vaccinati, senza mai alcun aiuto pubblico, ma attraverso la grande professionalità della Clinica Duemari di Oristano.

IMG_20160828_195442025_HDR[1]“Per noi è stato un vero onore-ha detto Irina Albu– siamo stati felici di ospitare una  grande attivista come lei, da sempre fortemente impegnata in Romania nella prevenzione del randagismo animale.Al termine della visita le abbiamo donato il nostro Calendario 2017 “.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*